News

Openjobmetis Varese, Matt Brase a tutto campo: “Pensare fuori dagli schemi è stato il mio modo di provare a crescere”

Il coach americano ha parlato su “La Prealpina”

Openjobmetis Varese, Matt Brase a tutto campo: “Pensare fuori dagli schemi è stato il mio modo di provare a crescere”

Aprendosi a Giuseppe Sciascia su “La Prealpina”, il coach dell’Openjobmetis Varese, Matthew Brase, ha parlato di come si è concretizzato il suo approdo a Varese: “Avevo una buona situazione a Portland, ma quando ho parlato con Luis Scola e Mike Arcieri mi hanno prospettato la possibilità di tornare a praticare lo stesso basket di quando ero a Houston ed ai Rio Grande Valley Vipers. Più ci parlavo e mi convincevo: ho lavorato come assistente NBA per diverse stagioni, l'opportunità di tornare capo allenatore e lavorare e giocare nella maniera che preferisco era ghiotta. Ho perso qualche notte di sonno, però ritengo che confrontarsi con le sfide fuori dalla propria comfort zone e pensare fuori dagli schemi sia il modo per provare a crescere”.

L’Openjobmetis ricorda gli allora Houston Rockets di James Harden, caratteristici per il loro tiro da tre punti e un ritmo impresso alla partita molto alto: “La NBA è un altro mondo ad iniziare dai budget. Ma noi cerchiamo di creare una cultura in funzione di quello che ha senso per noi. Il nostro stile di gioco non è l'unico possibile, ma è quello che è più adatto al nostro parco giocatori. È chiaro che alle spalle c'è un lavoro di selezione: Brown e Johnson già conoscevano me e il sistema, tanti ragazzi però non li avevo mai allenati ma hanno sposato la causa con grande disponibilità. Qui siamo tutti sulla stessa pagina, il gruppo è fantastico perché lavora con il massimo dell'entusiasmo”.

L’ambientamento nella città lombarda procede a gonfie vele: “Varese è un posto fantastico dove vivere e lavorare: la città è bella e godibile, mi trovo benissimo anche al di fuori del campo. Il tempo per girare non è tantissimo perché il lavoro del coach non si esaurisce solo con l'allenamento quotidiano: bisogna pensare a preparare le sedute e vedere i video. Però c'è modo per girare e visitare una zona che offre tante attrazioni”.

Infine, Brase ha parlato dei suoi modi pacati nell’approccio con i giocatori e la panchina, mai sopra le righe: “È quello che ho imparato da mio nonno Lute Olson: "Non si insegna col tono di voce". E lo stesso approccio lo aveva Mike D'Antoni. Io provo a dare loro dei suggerimenti, piccole correzioni: "Hai visto questa situazione? Pensa a questo". Mettere pressione non aiuta, e allo stesso modo non aiuta dare troppe informazioni, che rischiano di fare pensare troppo e rallentare i giocatori sul campo”.

Le ultime gallery
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Water
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner
Official Radio