Legabasket logo
News 
 
Ramagli e le avversarie:
09/09/2003 11:44   
«Siena ancora più forte»

Meno 26 giorni all'alba. Tra poco più di tre settimane scatterà la serie A 2003-04 e ognuna delle 18 contendenti sta scaldando i motori. Tranne qualche caso particolare (Messina, ripescata da poco), nei roster ci sono molte certezze e pochi vuoti. Insieme a coach Alessandro Ramagli bbiamo esaminato il prossimo campionato ai raggi X.
CHI LOTTA PER LO SCUDETTO
Benetton Treviso. Campione in carica e favorita. «Hanno migliorato il reparto ali piccole, dove hanno sofferto l'anno scorso. Dietro a Pittis ci sono la rivelazione brasiliana Giovannoni e Bargnani, giovane classe '85». Il settore lunghi, oltre a Garbajosa, Marconato e Nicola, è completato da Podestà e dalla novità Slokar. Gli esterni saranno Edney, Bulleri e Evans, «una stella di prima grandezza, semplicemente eccitante», con Markoshvili a dare i cambi. Quintetto: Edney, Evans, Pittis, Garbajosa, Marconato. Coach: Messina.
Lottomatica Roma. Chi vuole vincere il titolo dovrà fare i conti con la
Capitale. La squadra perde molto senza Jenkins, Santiago e, soprattutto, Parker. Al loro posto Bennermann, «un play d'ordine», Barton, «giovane stella», e la scommessa Griffith, «ma bisogna vedere come risponderà dopo due anni difficili». Da Siena è arrivato Bowdler e «stanno ancora cercando un esterno di qualità». Quintetto: Bennermann, Myers, Barton (Righetti), Tonolli, Griffith. Coach: Bucchi.
Scavolini Pesaro. Amadio, il nuovo presidente, ha fretta di arrivare al
top. «È una squadra che ha cambiato per vincere tutto». Rannikko si è
infortunato e starà fuori a lungo. Allora ecco il nuovo play: Djordevic,
«una leggenda». Scarone sarà il regista di scorta. Gli esterni? Da rifarsi
gli occhi: Ford e Milic, con Malaventura e Gigena di rincalzo. I due lunghi
sono Elliott, da Livorno, e Eley, «uno dei grandi d'Europa». I cambi? La
novità Ress e un certo Frosini... Quintetto: Djordevic, Ford, Milic,
Elliot, Eley. Coach: Melillo.
Montepaschi Siena. Una macchina da successi, «addirittura più forte
dell'anno passato». Stefanov è il play, Thornton, Vukcevic e Zukauskas sono le guardie. Galanda, con Kakiouzis alle spalle, e Chiacig saranno i centri titolari. «Ottimi acquisti» per la panchina Blizzard e Vanterpool.
Quintetto: Stefanov, Thornton, Zukauskas, Galanda, Chiacig. Coach:
Recalcati.
Skipper Bologna. Una formazione poliedrica: «interessante da allenare». Il play è «la stellina della Serbia» Vujanic, Basile e Delfino saranno gli
esterni. Ma attenti alla panchina, oltre al prossimo acquisto a stelle e
strisce. Insieme alla "grana" Pozzecco, ecco un trio giovane da urlo:
Fultz, Belinelli e Mancinelli. Per i due posti da lungo prenotati Smodis e
Mottola, «centro finnico versatile». Ma «attenti allo sloveno Lorbek, un
"quattro" fortissimo che arriva dai college». Quintetto: Vujanic, Basile,
Delfino, Smodis, Mottola. Coach: Repesa.
OBIETTIVO PLAYOFF
Oregon Cantù. Perse le stelle ha cercato di tenere i punti di riferimento:
Hines, Stonerook e Gay. Il play sarà ancora Wheeler, che «segna molto ma non ha un gran ritmo». Il nuovo esterno è Nate Johnson, guardia e ala piccola. Per la panchina ecco Calabria, lo svedese Levin e Bernard.
«Cercano un centro comunitario». Quintetto: Wheeler, Hines, Johnson,
Stonerook, X. Coach: Sacripanti.
Pompea Napoli. All'ombra del Vesuvio voglia di conferme. «Hanno cambiato Greer con Jerome Allen: una garanzia». Sono arrivati Moldù, guardia-play, Schmidt, «una garanzia da ala piccola», Albano e Saccardo, cambi per i lunghi. Quintetto: Allen, Penberthy, Torres, Davison, Andersen. Coach: Mazzon.
Metis Varese. Una certezza e un rischio per sperare. «Hanno preso il
miglior play in Italia: McCullough e scommettono sul gigante Podkolzin».
Manca una guardia al quintetto. Il resto è il gruppo dei "puri" varesini:
Vescovi, Meneghin, Conti, Zanus Fortes e De Pol. Quintetto: McCullough, X, Meneghin, Conti, Podkolzin. Coach: Rusconi.
Stayer Reggio Calabria. Dallo Stretto per vincere anche in Europa. Le
novità sono Santarossa, Lynch, Diego Fajardo e Alberti. Attenzione a Eze,«diventerà un fattore». Quintetto: Rombaldoni (Lamma), Ivory, Santarossa, Fajardo e Alberti. Coach: Lardo.
Snaidero Udine. Il "credo" di Teo fa nuovo il Friuli. «Alibegovic ha
costruito una squadra senza galli». Shannon, il nuovo play «è un piccolo
Edney». Confermati solo Mian e Vujacic, le guardie. Nuovi gli altri: Hicks,
l'ala piccola, Kelecevic, «una certezza», e i due centri: Brown e Markovic.
Quintetto: Shannon, Vujacic (Mian), Hicks, Kelecevic, Brown. Coach
Alibegovic.
Olimpia Milano. La forza dell'esperienza. «Una squadra fatta da 8
giocatori, per scelta del coach». C'è Topic al posto di Rancik, «meno
esplosivo ma più intelligente». Il nuovo centro è Sellers, «molto
dinamico». Partono da dietro i nuovi Cooper e Lacey. Quintetto: Naumoski, Coldebella, Sconochini, Topic, Sellers. Coach: Caja.
Roseto. Oltre a Moltedo la rivoluzione. Il play è Keys, «sa fare tutto:
penetra, segna e difende». Racker la guardia, «grande agonista». Sotto
canestro il top con Nolan, «un califfo», e Wesson. La panchina è lunga:
Giovacchini, Castets, Polibrank e Miralles. Quintetto: Keys, Racker,
Moltedo, Nolan, Wesson. Coach: Dalmonte.
EVITARE GLI ULTIMI 2 POSTI
Air Avellino. Lavori in corso. Già firmati Donny Marshall, «da Nba»,
Komazec, «classe ed esperienza», Middleton e il regista Ryan, mancano tutti i lunghi. C'è solo Rice, ex Virtus. Quintetto: Ryan, Marshall, Komazec, Rice, X. Coach: Markovski.
Trieste. Esterni nuovi di zecca. Il play è Aaron Mitchell, le guardie Sims
e Billy Thomas. Il leader è Goljovic, «ala molto esperta». Lunghi Shareef
Fajardo-Camata. Panca italiana con Cavaliero, Pilat, Casoli. Quintetto:
Mitchell, Sims, Goniovic, Fajardo, Camata. Coach: Pancotto.
Mabo Livorno. Una scelta coraggiosa: «modificare il roster». La stella è
Charlie Bell. Confermati gli italiani. Nuovi i lunghi Usa, Brown e Young, e
l'ala croata Rodzic. Quintetto: Parente, Bell, Rodzic, Brown, Young. Coach: Banchi.
Sanic Teramo. Una squadra «solida e quadrata». Due play: Rajola e Labella.Carter, Boni e Lulli sono gli esterni. Tyrone Grant, Scott e Loncar i lunghi. Quintetto: Rajola, Carter, Boni, Grant, Scott. Coach: Gramenzi.
Messina. Nebbia fitta poer la ripescata. Busca è il play. Manca un
americano da "due". Li Vecchi e Grasso sono in corsa per una maglia.
Bonner, «mani morbide» Estill, «centro molto atletico», sono i lunghi. Il
cambio è il sottovalutato Maglos, greco di scuola Usa. Quintetto: Busca, X,Li Vecchi, Bonner, Estill. Coach: Perdichizzi.
[r. bo.]