Rassegna Stampa

GeVi Napoli, il punto del presidente Grassi: “Il successo contro Milano è stato un segnale: la squadra c’è e vuole restare in Serie A con un progetto importante”

Il numero uno biancoblu è stato intervistato sul “Corriere dello Sport”

GeVi Napoli, il punto del presidente Grassi: “Il successo contro Milano è stato un segnale: la squadra c’è e vuole restare in Serie A con un progetto importante”

Intervistato da Andrea Barocci sul “Corriere dello Sport”, il Presidente della GeVi Napoli Federico Grassi ha rilasciato delle dichiarazioni dopo la grande vittoria contro Milano: “Non conosciamo mezze misure. Bisogna anche dire che la nostra fortuna è stata quella di affrontare Milano reduce dalla gara di venerdì in Eurolega e attesa da un doppio impegno questa settimana. Noi in ogni caso avevamo un piglio diverso dopo la brutta batosta di Scafati: sono serviti sia i cambi, dolorosi ma necessari, che la strigliata per dare un volto diverso alla squadra. Dopo le ultime sconfitte non potevamo che scusarci con i tifosi. Questo successo è un segnale: Napoli c'è, vuole lottare e restare in serie A con un progetto importante”.

Perché la scelta di affidarsi a Pancotto? “Ad agosto Buscaglia voleva un vice importante perché lui era impegnato con la nazionale olandese. Cesare ha un palmares importante: dovendo prendere una decisione, abbiamo pensato che avevamo già in casa chi può portarci alla salvezza”.

Fare basket a Napoli non è così semplice: “Mancano le strutture. Noi abbiamo un settore giovanile che sta crescendo in modo esponenziale: in due anni l'under 19 è entrata nelle finali nazionali. Abbiamo due foresterie con dodici ragazzi tra i quali due ucraini. E abbiamo acquistato dal Bassano Moussa Bamba, una maliano del 2005. Tengo molto a questo settore, spero di poter portare giovani campani a debuttare in Nazionale. Ci stiamo lavorando tantissimo, perché mi piacerebbe far diventare queste squadre giovanili un'eccellenza del Sud Italia”.

Riuscirebbe quindi il basket a convivere a Napoli con il calcio? “Ritengo che si possa convivere, a patto di avere un progetto importante, creato passo dopo passo. Sono convinto che se avessimo messo 10 milioni in questa squadra, non avremmo risolto nulla per la città e dopo un anno saremmo scomparsi. Siamo tre famiglie di proprietari che vogliono il bene della città a 360 gradi, anche e soprattutto per ciò che riguarda l'aspetto sociale. Faccio un esempio: il sei gennaio siamo andati a "Obiettivo Napoli", un centro con tanti ragazzi che vengono da situazioni disagiate e che lì possono studiare a fare sport. Abbiamo portato dei doni e regalato un sorriso a tutti: alcuni di loro domenica erano al PalaBarbuto, felici. Ecco, per noi far sorridere un giovane è molto più importante che vincere una partita”.

Le ultime gallery
Le ultime notizie
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Water
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner
Official Radio